lunedì 28 marzo 2011

Fiorile,
arpeggio d'acque
senti le fresche lune
riposi l'occhio
di sorriso 
lacrima tersa.




martedì 22 marzo 2011

Sono sugli intonaci
vecchie catapulte
e disegni di bimbi
e fresche acque silenti.




lunedì 21 marzo 2011

Scambi un sorriso
d'etereo suono
m'incanta l'uomo che diserta
la guerra degli orrori,
ingurgita la marea
il porto
e più non cinge
l'onda





domenica 20 marzo 2011

Prende adesso il vento
l'angoscia di non vita,
l'ansia che porta la scelta
ignara di frescura
e di memoria altrui.
Prende il fiume la sua corsa
e vede ora il lungo filamento 
di tenue seta.
Luccica l'occhio
che sorride chiuso.





venerdì 18 marzo 2011

Notte nero
carbone
si scioglie il nodo
del ricordo su questa terra
riarsa e fine,
perle le gocce di pioggia
da rami abbracciano il cielo,
filamenti d'argento
le tele di ragno.
Tutto attraversa tutto,
ed io con lui.






venerdì 11 marzo 2011

se

Se l'indaco t'oscura
il mondo
e gli astri migrano
sterlizie, 
t'incammini
dal verso il giusto tono
e per eterno vero
albeggi.







giovedì 10 marzo 2011

E lo sguardo inciampa
dove si ferma il piede, 
dove il braccio stringe,
dove il fianco riposa lento.



martedì 8 marzo 2011

ancora

Ho ripreso lo studio del sassofono, mi fa stare bene, alleggerisce il pensiero, impegna la mente, ti pone davanti un orizzonte...
E' uno strumento bellissimo il soprano, con un timbro quasi etereo ma corposo. Si sente che c'è. Lo consiglio a tutti, lo studio della musica...meditate gente, meditate.